Risparmiare tasse con le sponsorizzazioni sportive

Le tasse per le imprese, specie quelli di piccole dimensioni oppure per gli artigiani locali, risultano essere abbastanza elevate e molto spesso le stesse aziende tendono a non effettuare degli investimenti per potersi promuovere commercialmente.
Questo concetto cambia radicalmente con le sponsorizzazioni sportive, che rappresentano un metodo alternativo per potersi far conoscere da parte dei clienti.

Le detrazioni fiscali per le sponsorizzazioni sportive

Le detrazioni fiscali per le sponsorizzazioni sportive, secondo quanto stabilito dalla legge, devono essere pari al cento per cento della somma di denaro che viene appunto investita in questo genere di attività.
Ed attenzione: questo vale solo per le suddette sponsorizzazioni e non per altri mezzi che risultano essere tutt’altro che previsti dalla leggere.
Bisogna infatti parlare del fatto che tale mezzo non deve essere confuso con la rappresentanza sportiva che assume dei ton completamente diversi.
Anche l’IVA potrà essere detratta interamente da queste spese.
Inoltre occorre parlare del fatto che le sponsorizzazioni sportive potranno essere dedotte sia in un’unica soluzione, nel corso dell’anno, oppure durante i quattro successivi all’investimento, con piccole somme di denaro annuali completamente ripartite durante il quadriennio.

Gli elementi del contratto di sponsorizzazioni sportive

Ovviamente il contratto viene sottoposto ad un attento controllo da parte delle autorità e lo stesso vale per gli obblighi delle due società che accendono questo particolare rapporto.
In primo luogo le imprese che sfruttano la sponsorizzazione sportiva devono offrire quel tipo di bene o servizio che viene appunto promosso col proprio sponsor, inteso sia come striscione che cartellone presente sul campo di gioco.
Oltre a questo elemento l’impresa che intende farsi pubblicità deve rendere noti i costi che vengono sostenuti per pubblicizzare il proprio prodotto o brand, evitando di aumentare gli importi spesi per ottenere entrate economiche derivanti dalla detrazione stessa.
Il denaro speso non deve essere eccessivo ma, al contrario, commisurato perfettamente alle entrate economiche che vengono ottenute da parte della stessa impresa che vuole farsi conoscere in una determinata area geografica.
Il contratto deve inoltre essere chiaro e contenere tutti gli elementi che contraddistinguono quell’accordo commerciale ed infine l’impresa sportiva, anche se dilettantistica, deve necessariamente rispettare tutti i vari accordi presi e stabiliti nel contratto.
In questo modo le detrazioni fiscali per le sponsorizzazioni sportive potranno essere ottenute senza alcun tipo di imprecisione.